Excite

L'Arte Rupestre: fiore all'occhiello della Val Camonica

La Val Camonica è una meravigliosa valle alpina che si estende nella parte orientale della Lombardia. Abitata sin dall'età neolitica, la valle deve il suo nome all'antico popolo dei Camunni, i primi uomini ad insediarsi nel territorio. A questo popolo è attribuita l'Arte Rupestre della Val Camonica, scoperta agli inizi del secolo scorso per opera del geografo italiano Walther Laeng.

L'arte rupestre nei parchi nazionali della Val Camonica

Le maggiori testimonianze di arte rupestre si concentrano principalmente in alcuni comuni della Val Camonica. Si tratta di particolari incisioni sulle rocce che rappresentano scene di vita quotidiana dell'antica civiltà Camuna. Per meglio conservare e valorizzare tale patrimonio culturale, sono stati realizzati appositi parchi di arte rupestre.

Il Parco Nazionale di Capo di Ponte, in provincia di Brescia, custodisce numerose incisioni rupestre, più di cento, che si differenziano nei simboli e nelle tematiche, in base alle successione dei tempi e all'evoluzione della cultura degli antichi abitanti della valle. Famose sono le Incisioni rupestri di Naquane, un piccolo museo all'aperto che vanta una prestigiosa collezione di rocce numerate le cui incisioni risalgono all'età del Ferro: sono raffigurazioni di animali (cervi e cavalli), scene di artigiani al lavoro e rappresentazioni delle divinità della mitologia celtica.

Il Parco Archeologico Comunale di Seradina-Bedolina, due borghi del territorio di Capo di Ponte, conserva numerose rocce istoriate (decorate), risalenti anch'esse all'età del ferro. Belle le scene di uomini che arano, così come sono da ammirare le figure di "corni" intesi come strumenti musicali, i cerchi concentrici e i disegni reticolati. Bedolina si distingue per le particolari raffgurazioni delle sue rocce, che presentano una sorta di disegni geometrici, delle vere mappe realizzate con incisioni di segni ovali e quadrangolari, con piccoli solchi a semisfera collegati da una serie di linee a zig-zag.

Il parco archeologico di Asinino-Anvòia ad Ossimo si distingue per la presenza della statue stele, una sorta di monumenti di pietra che simboleggiano guerrieri armati di lance e pugnali, donne con monili, animali e i simboli celesti come il sole, la luna e le stelle. Una grande Riserva naturale di Incisioni rupestri attraversa tre comuni: Ceto, Cimbergo e Paspardo, un'oasi naturale protetta. Qui sono conservati oltre 400 massi su cui è possibile ammirare incisioni di arte rupestre veramente spettacolari come la rosa camuna, figure di uccelli, incisioni di pugnali e il famoso nodo di Salomone, l'antico simbolo che esprime il legame profondo dell'Uomo con lo spirito divino. Tutta l'Arte Rupestre della Val Camonica è Patrimonio mondiale dell'Unesco.

Una meta di viaggio da non perdere

La val Camonica è un luogo affascinante e suggestivo che offre enormi ricchezze naturali e un ricco patrimonio culturale. Viene identificata come la "La valle dei Segni" e rappresenta una meta di viaggio unica per chi ama scoprire la storia delle antiche civiltà. L'Arte Rupestre della Val Camonica è parte integrante degli itinerari turistico-cuturali della valle.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018