Excite

"Castagna in Festa" ad Arcidosso

Il Monte Amiata è uno splendido complesso montuoso dell'Antiappennino Toscano, sorge a confine tra le due provincie di Siena a Grosseto, proteggendo tra i suoi territori, un grande numero di piccoli borghi e cittadine antiche, assolutamente straordinari e particolari che con la loro bellezza riusciranno certamente ad ammaliare e colpire i propri visitatori e turisti, sicuramente affascinanti sono a tal proposito Arcidosso, Santa Fiora Castel del Piano e Seggiano; la Montagna si presenta come la vetta più alta del territorio della Maremma, raggiungendo un'altitudine di ben 1738 metri sul livello del mare.

Il territorio della Montagna toscana si caratterizza per la presenza di rocce e terreni lavici, testimonianza forte e tangibile dell'origine vulcanica dell'Amiata, la natura è poi di assoluta bellezza e singolarità, non mancano infatti ampi boschi di faggete, castagni, lecci ed abeti, tra panorami e viste di grande e profonda suggestione; gran parte del territorio è poi compreso all'interno del Parco Faunistico del Monte Amiata, una splendida riserva naturale che protegge e tutela un grande numero di specie vegetali ed animali che qui possono vivere in assoluta tranquillità nel loro habitat naturale.

Numerose sono le feste popolari, le manifestazioni e le sagre che si tengono nei borghi e nei paesini del comprensorio amiatino, per la maggior parte nate con lo scopo di promuovere e far conoscere i prodotti tipici di questa straordinaria terra della bassa Toscana, il Monte Amiata è infatti celebre per le sue produzioni, tutte premiate con importanti e sicuramente meritati riconoscimenti, possiamo citare a tal proposito l'oliva Seggianese DOC, i Vini, in particolar modo quelli di Montecucco e della Val D'Orcia DOC e la celebre ed apprezzatissima Castagna IGP.

Proprio la Castagna IGP del Monte Amiata è oggetto di una importante e significativa festa, che ogni anno si tiene ad Arcidosso nel mese di Ottobre, stiamo parlando della manifestazione "Castagna in Festa", che quest'anno si terrà dal 19 al 21 e dal 26 al 28 ottobre, nella sua XXI edizione; si tratta dell'avvenimento principale della cittadina di Arcidosso, durante il quale si potrà assistere ad interessanti e stimolanti dibattiti e convegni, ma si potrà avere l'occasione di ammirare la bellezza di questo incantevole ed affascinante borgo antico, celebre per la bellezza dei suoi monumenti, delle sue chiese e dei suoi edifici storici; la festa si costituisce infatti come l'occasione perfetta per conoscere i prodotti tipici che la montagna ha da offrire, ed allo spesso tempo per passeggiare tra le vie del centro storico ed i vicoli antichi.

Arcidosso è un meraviglioso paesino che sorge ai piedi dell'imponente Monte Amiata, nelle immediate vicinanze delle piste da sci che in inverno vengono frequentate dagli appassionati della neve e dello sci, il paese nacque nell'alto periodo medievale, le prime documentazioni che ne attestino l'esistenza vengono infatti fatte risalire all'860, nel corso dei secoli la cittadina toscana divenne poi un importante possedimento della famiglia degli Aldobrandeschi, e di numerose altre potenti famiglie locali, fino a che, nel periodo rinascimentale il potere venne esercitato dal Granducato di Toscana, sotto il controllo dei Medici di Firenze, infine dopo secoli di importanti dominazioni, il borgo storico di Arcidosso fu inglobato, alla fine del XIX secolo nel Nuovo Regno d'Italia.

La cittadina si presenta agli occhi del visitatore in tutto il suo fascino e la sua bellezza con un grandissimo numero di edifici storici ed architetture antiche, di assoluta bellezza e straordinario fascino, camminando infatti tra le vie del centro storico del paesino si potrà avere l'occasione di ammirare la Chiesa di San Niccolò, che si costituisce come la costruzione più antica dell'abitato, ponendosi inoltre come la principale chiesa della città, proseguiamo poi con la Chiesa di Sant'Andrea, custode di uno splendido affresco che raffigura la " Vergine in Trono", la Chiesa della Madonna Incoronata, meraviglioso edificio antico costruito per celebrare la fine di una tremenda epidemia di peste e l'imponente Castello Aldobrandesco, edificato durante la dominazione longobarda intorno all'anno mille.

La festa della Castagna di Arcidosso si terrà tra i vicoli di questa splendida cittadina, offrendo ai partecipanti l'occasione di apprezzare ogni sfumatura ed ogni piccolo particolare di questo meraviglioso centro antico, durante la manifestazione verranno aperte le cantine della parte storica della cittadina ed al loro interno verranno offerti prodotti tipici quali vino, dolci e naturalmente prodotti a base di castagne e di farina di castagne, i turisti ed i visitatori saranno poi piacevolmente intrattenuti da visite guidate, da interessanti ed affascinanti cortei in abiti d'epoca, artisti di strada, interventi di musica popolare e della banda cittadina, mostre di antiquariato, mercatini di arte locale e spettacoli vari lungo le vie ed i vicoli del borgo del Monte Amiata.

INFO
Il meraviglioso borgo di Arcidosso è facilmente raggiungibile provenendo dalla strada provinciale 73, da Siena, sarà necessario uscire in direzione di Paganico e proseguire poi per Arcidosso-Monte Amiata, se si proviene da Grosseto si potrà seguire le precedenti informazioni e quindi uscire a Paganico e proseguire in direzione di Arcidosso e Monte Amiata, infine provenendo da Roma e da Firenze, sull'Autostrada del Sole, di dovrà uscire a Chiusi, proseguire fino a raggiungere l'uscita di Bettolle ed ancora in direzione di Orvieto, una volta usciti dall'autostrada si prosegue in direzione di Arcidosso e Monte Amiata.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017