Excite

Como, sì all'abbattimento del muro sul lungolago

Il sindaco di Como Stefano Bruni ha fatto sapere oggi che il muro costruito sul lungolago verrà abbattuto e sostituito da paratie mobili. Il primo cittadino ha spiegato che nonostante i costi il "muro della discordia", contro il quale ieri oltre cinquecento persone sono scese in piazza, verrà raso al suolo. "La Regione è con noi - ha affermato Bruni - Ho parlato questa mattina con Roberto Formigoni e il presidente sostiene questa ipotesi; è questa la priorità"

.

Il muro costruito sul lungolago per difendere dalle esondazioni sarebbe dovuto essere alto 25 centimetri e degradare poi nell'acqua. Si trattava però di una variante al progetto originale, compiuta in corso d'opera e priva di apparenti giustificazioni. In un primo momento, infatti, il progetto prevedeva la costruzione di un sistema di paratie mobili.

Il sistema anti-esondazione, in costruzione da due anni, ha un costo di 15 milioni di euro ed è finanziato dalla Legge Valtellina in quanto rientra tra le opere giudicate necessarie dopo l'alluvione del 1987. Dopo le sonore proteste della popolazione, oltre a quelle della Lega Nord e di alcuni esponenti della maggioranza, il sindaco ha deciso di dire "no" alla costruzione del tanto contestato muro.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017