Excite

Curiosità Sorrento: le tradizioni della Penisola Sorrentina

Sorrento e le altre località della Costiera Amalfitana sono molto legate a tradizioni e manifestazioni folcloristiche.
La gran parte di esse sono legate alle celebrazioni religiose che si tengono durante l’anno in occasione di feste liturgiche.

Molte cerimonie ed eventi si svolgono ad esempio durante la settimana di Pasqua. La più pittoresca è senz’altro la processione degli incappucciati che si tiene il Venerdì Santo, una sorta di drammatizzazione teatrale per ricordare la Passione di Cristo.

Durante la cerimonia sfilano per le vie della città due gruppi di uomini incappucciati in bianco e in nero (i colori del lutto) innalzando ceri accesi, croci e statue di Maria e Gesù. La processione bianca avviene la mattina quella nera in serata ed entrambe sono accompagnate da musiche solenni e cori.
La celebrazione si conclude quando le statue vengono riportate in chiesa.

La cerimonia del Venerdì Santo a Sorrento è senz’altro una delle più famose e suggestive, assolutamente da non perdere se trascorrete la Pasqua in Costiera Amalfitana.

Molto sentite sono poi le feste dove si suona e si balla la Tarantella, danza popolare, legata a tradizioni antichissime. Questo ballo sembra sia infatti nato dagli antichi festeggiamenti in onore di Bacco, dio del Vino, e poi nel corso degli anni si è trasformato e legato a credenze popolari simili a quelle pugliesi e al fenomeno del tarantismo.

Erano soprattutto donne quelle che sostenevano di essere state morse, durante il lavoro nei campi, dalla tarantola che iniettando il veleno in corpo faceva venire quella smania di muoversi e agitarsi.
Da qui le origini della Tarantella, una danza tradizionale ormai molto popolare.
Non perdetevi a Sorrento uno dei tanti concerti folcloristici e scatenatevi a suon di Tarantella!

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017