Excite

Dormire in un dipinto di Van Gogh

  • Airbnb

Chi avrebbe mai pensato che un giorno sarebbe stato possibile dormire all’interno di una famosissima opera d'arte? Dal 14 febbraio ciò è stato reso possibile grazie alla nuova mostra dell’Art Institute di Chicago, che ha esposto per la prima volta insieme in Nord America le tre versioni de “La camera da letto” di Vincent Van Gogh allestendo inoltre una fedelissima riproduzione del dipinto del pittore olandese in dimensioni reali.

Van Gogh, nuovo quadro scoperto ad Amsterdam: Tramonto a Montmajour dipinto ad Arles

Ed è stata l’agenzia pubblicitaria Leo Burnett ad allestire in collaborazione con il museo la stanza del pittore, così come lui stesso la dipinse ispirato alla sua camera da letto di Arles , nel sud della Francia. Nella mostra saranno mostrate più di 30 opere dell'artista , oltre ai quadri letto e il bello è che sarà possibile alloggiare nella “Camera da letto di Van Gogh” prenotando tramite Airbnb alla modica cifra di 10 dollari a notte (9 euro circa) comprensivi dell'ingresso alla mostra (che dura fino al 10 maggio).

“Questa camera vi farà sentire come si sta vivendo in un dipinto – si legge nella nota dell’ Airbnb - E’ decorata in stile post-impressionista, che ricorda il sud della Francia e dei tempi passati. I suoi arredi, colori brillanti e le opere d'arte vi fare vivere l'esperienza di una vita”.

(Guarda il video della stanza di Van Gogh)

Sono ben due i posti letto della stanza e il check-in è previsto dalle 16:00 mentre il check-out alle 11:00 del giorno successivo, e neanche a dirlo, l’annuncio della camera da letto di Van Gogh ha avuto subito un successo strepitoso tanto che si sta pensando di prorogare l'iniziativa, grazie alla quale intanto l'Art Institute di Chicago è riuscito in pochissimo tempo ad attirare l'attenzione del mondo sulla sua mostra-evento.

Una stanza, quella di Arles molto amata da Vincent Van Gogh, che la dipinse nel primo quadro nel 1888, e poi in una seconda versione che realizzò durante un soggiorno a Saint Rémy nel 1889, infine una terza, più piccola, che donò alla sorella e alla madre.

Una stanza che sottolinea le doti pittoriche ed esistenziali del grande pittore scomparso appena un anno dopo l'ultima versione ossia nel 1890, dunque, la possibilità di poter soggiornare in una ricostruzione della stanza del dipinto rappresenta una vera e propria chicca per gli appassionati dell’arte del controverso e geniale artista.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017