Excite

easyJet contro l'aumento delle tasse aeroportuali

Alla compagnia low cost easyJet non sono piaciute le parole del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli relative all'incremento delle tariffe aeroportuali fino a 3 euro per passeggero negli aeroporti italiani interessati dal provvedimento.

Secondo François Bacchetta, regional general manager per il Sud Europa di easyJet, 'gli aumenti delle tasse aeroportuali sono l'ennesima catastrofe per le compagnie e i consumatori'. Alzare fino a 3 euro per passeggero le tariffe aeroportuali, per Bacchetta vuol dire mettere a repentaglio la crescita degli scali italiani. Il general manager per il Sud Europa di easyJet ha poi sottolineato: 'In aggiunta, non abbiamo la certezza che questi ultimi subiranno miglioramenti dal punto di vista delle infrastrutture e dei servizi ai passeggeri. Gli stessi passeggeri, sono appena stati colpiti dalla manovra finanziaria approvata poco meno di un mese fa e ora dovranno fare i conti anche con viaggi più costosi'.

Ma non saranno solo i passeggeri a risentire di tale incremento. Bacchetta ha infatti aggiunto: 'Le compagnie aeree, dopo aver affrontato le difficoltà create dalla recessione e dall'eruzione vulcanica, vengono caricate di un ulteriore aggravio. Se l'Italia ha superato la dura crisi che ha colpito il mondo intero è stato soprattutto grazie al turismo, il sistema aeroportuale del Paese va quindi sostenuto e non penalizzato. Vorremmo ricordare alle istituzioni politiche italiane coinvolte in questa decisione che lo strumento istituzionale per approvare le modifiche delle tariffe aeroportuali è la procedura del Contratto di Programma e che le scorciatoie come questa proposta di aumento temporaneo non favoriscono sicuramente una serena discussione sul futuro del sistema aeroportuale italiano'.

Foto: easyjet.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020