Excite

Hotel in Italia, solo il 63% delle camere occupate nel 2012

  • Wikimedia Commons

Bilancio negativo per gli alberghi italiani nel 2012: secondo il consuntivo di Italian Hotel Monitor, effettuato da Trademark Italia, il bilancio dell'anno che si è appena concluso si chiude con un'occupazione delle camere in hotel in calo dell'1,3% rispetto allo scorso anno, mentre i prezzi sono stati leggermente ritoccati verso l'alto (+0,3%).

Guarda le immagini dei 10 hotel più belli di Roma

Rispetto allo scorso anno, lo studio evidenzia una lieve contrazione dell'indice di occupazione delle camere (dal 64,7% del 2011 al 63,4%del 2012), flessioni più marcate se si guarda alle singole località. Da segnalare anche un leggero piccolo aumento del prezzo medio a camera, seppur inferiore al tasso di inflazione.

Per quanto riguarda riguarda la categoria 4 stelle, la più rappresentativa del settore per movimento d'affari, i 554 gestori degli hotel italiani che da settembre 2000 partecipano al monitor segnalano un prezzo medio 2012 di 111,98 euro per camera venduta. In dodici capoluoghi di provincia è stata superata la soglia "psicologica" del 60% di occupazione camere, che per gli addetti ai lavori significa "solidità gestionale".

Soltanto Firenze - pur in contrazione sul 2011 (-3,4 punti) - supera il 70%, con un prezzo medio di 121,34 euro (piccola crescita dello 0,7% rispetto al 2011), mentre la maggior parte delle città monitorate si attesta tra il 50 e il 60%. Roma si assesta al 68,5%, Venezia al 66,9% e Milano al 66,5%. Nella top ten figurano anche Siena, Rimini, Pisa, Bergamo, Ravenna e Napoli, con una percentuale di camere occupate pari a circa il 60%.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017