Excite

Italia, la Brambilla scrive ai turisti giapponesi e di tutto il mondo

Dopo la notizia secondo la quale i turisti giapponesi non sarebbero più tanto attratti dal nostro Paese, il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha deciso di scrivere una lettera aperta ai turisti del Giappone e di tutto il mondo invitandoli a venire in Italia.

Nella missiva la Brambilla ha scritto: "Cari amici turisti del Giappone e di tutto il mondo, in qualità di Ministro del Turismo dell'Italia, desidero esprimervi innanzitutto un grande ringraziamento per l'apprezzamento che manifestate, da sempre, nei confronti del nostro Paese. Il governo italiano ha, da pochi mesi, istituito il Ministero del Turismo proprio per occuparsi delle vostre esigenze con la massima competenza e, al contempo, promuovere e sviluppare il nostro sistema di accoglienza e ricettività, affinché siano sempre più garantiti i massimi standard internazionali".

Il ministro ha poi sottolineato: "I viaggiatori che, ogni giorno, arrivano da tutto il mondo sono accolti come amici dagli italiani. La nostra cultura dell'ospitalità è ben nota: sappiamo bene come fare sentire un turista a casa propria e come dedicargli le massime attenzione. E proprio perché i diritti di tutti i turisti per noi hanno la massima priorità il Ministero del Turismo ha recentemente dato avvio all'istituzione di una vera e propria commissione di vigilanza, per la quale ha richiesto anche la collaborazione delle associazioni di categoria, con il duplice scopo di verificare che, sempre ed in ogni parte di Italia, siano salvaguardate le necessità degli amici visitatori, sia per quanto riguarda i prezzi ed i servizi a loro riservati che per rispondere prontamente alle segnalazioni di non conformità che possano giungere a riguardo sia dai turisti sia italiani che stranieri".

La Brambilla ha affermato di essere soddisfatta di come l'offerta turistica italiana abbia saputo rispondere alla situazione di criticità internazionale offrendo pacchetti di viaggio e soggiorno competitivi. Il ministro ha poi ricordato la vicenda del maxi conto presentato ai due giapponesi in visita nella Capitale e ha scritto: "Qualche giorno fa una coppia di turisti giapponesi si è purtroppo imbattuta in un ristorante di Roma che non ha rispettato le modalità illustrate e di questo siamo fortemente dispiaciuti. Vogliamo però assicurare agli amici del Giappone che si è trattato di un caso isolato e che sono stati presi provvedimenti immediati nei confronti di tale struttura, Ristorante 'Il passetto', che è stata immediatamente chiusa. Il nostro sistema di controlli è di fatto molto efficiente e possiamo garantire che difficilmente potranno ripresentarsi situazioni analoghe. Inoltre, il Ministero del Turismo ha dato mandato all'Avvocatura dello Stato di agire nei confronti dei titolari dell'esercizio pubblico in questione per il danno all'immagine dell'Italia prodotto dalla loro condotta".

La Brambilla ha poi concluso la lettera con queste parole: "Cari amici turisti di tutto il mondo vi invito quindi a venire nel nostro Paese con le massime garanzie di tutela. L'Italia ha molto da offrire: le più grandi ricchezze per quanto riguarda l'arte, la cultura, i beni archeologici e monumentali. E poi bellezze paesaggistiche e ambientali uniche al mondo. Una cultura del 'mangiare italiano' e del 'bere italiano' che ha portato il nostro Paese ad essere una punta di eccellenza. E poi il 'Made in Italy': dalla moda all'arredamento, lo stile italiano è sinonimo di raffinatezza ed eleganza".

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017