Excite

L'aereo che percorre Londra - New York in 11 minuti

  • Twitter

Quanti di voi rinunciano a visitare mete da sogno come le isole della Polinesia o il Gran Canyon per paura delle tante ore di volo da sopportare? Un problema, questo, che potrebbe essere al più presto risolto grazie ad Antipode, un nuovo prototipo di aereo che – come si intuisce dal nome – riesce a collegare due luoghi agli antipodi nel minor tempo possibile. Giusto per farvi un esempio possiamo dirvi che sarà in grado di collegare Londra e New York in 11 minuti.

I 6 viaggi che fai prima in treno che in aereo

Praticamente, conti alla mano, ci mettereste di più a tornare a casa dal lavoro in auto che ad attraversare il pianeta in aereo. A rivelare notizia è stato l’istituzionale Forbes che ha intervistato l’ingegnere Charles Bombardier: “Sono stato contattato da Joseph Hazeltine (direttore del RIAC, uno dei centri analisi del Dipartimento della Difesa USA) e mi ha proposto di impiegare un nuovo fenomeno aerodinamico chiamato Long Penetration Mode (LPM)”. Naturalmente, messo da parte il problema tempo, se ne pongono molti altri: il rumore, le elevate temperature, la pressione…

Diversi team, compreso quello della Lunatic Koncepts, sono al lavoro per la prototipazione di Antipode. Senza scendere troppo nel tecnico, la soluzione più accreditata al momento è quella che vorrebbe la presenza di un augello, una sorta di presa d’aria sul muso, in grado di riequilibrare i flussi, far abbassare la temperatura (che sarebbe altissima) e ridurre notevolmente il rumore inevitabile nell’ avvicinarsi alla barriera del suono. Al lavoro, come dicevamo, ci sono diversi team tra cui anche la NASA. L’agenzia aerospaziale americana non è ancora riuscita a creare un aereo supersonico. Ci riuscì il Pentagono nel 2013 con la produzione di un modello di velivolo in grado di viaggiare a Mach 5 (Il numero di Mach è il rapporto tra la velocità di un oggetto in moto in un fluido e la velocità del suono nel fluido considerato).

Antipode dovrebbe poter ospitare 10 passeggeri e percorrere 20mila chilometri in un’ora grazie a due razzi e ad un autoreattore in grado di bruciare ossigeno dall’atmosfera. C’è ancora tanto lavoro da fare ma esiste un progetto con diversi team al lavoro.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017