Excite

L'Alta Velocità scatena le polemiche

Il debutto dell'Alta Velocità sulla Milano-Bologna ha sollevato non poche polemiche. Il treno ad Alta Velocità Freccia Rossa sembra, infatti, aver provocato numerosi disagi e problemi ai pendolari in viaggio sulle linee secondarie.

L'assessore alla mobilità e infrastrutture della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, ha detto: "Se Trenitalia ha deciso che Freccia Rossa deve correre passando davanti a tutti gli altri treni, e sulle spalle dei pendolari, può darsi che saremo costretti a dimostrare a Trenitalia che il Frecciarossa può anche rimanere in stazione".

Critico anche il presidente della regione Lombardia, Roberto Formigoni, che ha affermato: "I nostri tecnici hanno monitorato gli snodi considerati più delicati. Le cose non hanno funzionato come avrebbero dovuto e come Rfi e Trenitalia avevano garantito. Sono stati registrati ritardi e la soppressione di alcuni treni, mentre altri erano pieni quasi oltre il limite della loro capacità. Scriverò personalmente ai vertici di Trenitalia per esigere il rispetto integrale degli accordi sottoscritti nei giorni scorsi".

Sul banco degli imputati soprattutto il cambio di orario deciso dopo il varo dell'Alta velocità che ha creato innumerevoli disagi. A tal proposito l'assessore Cattaneo ha sottolineato: "E' stato soppresso l'Eurostar delle 7.40 da Brescia, un treno che i pendolari avrebbero potuto prendere. Ci sono state due soppressioni da Bergamo via Carnate e uno da Como. Non è stato effettuato il treno da Piacenza, come invece avevamo concordato come Regione Lombardia e Regione Emilia".

Le cose non sono andate meglio al Sud dove, sulla tratta Roma-Napoli, il treno della linea ad Alta Velocità, partito da Roma Termini alle 7.25 e atteso a Napoli Centrale alle 8.36, è arrivato alle 10.40. L'associazione dei consumatori Adiconsum è pronta a chiedere risarcimenti. "Gli avvocati del Centro giuridico Adiconsum - si legge in una nota dell'associazione dei consumatori - in viaggio per Napoli questa mattina ci hanno segnalato che il treno ad alta velocità su cui viaggiavano è rimasto fermo per circa un'ora e mezza in aperta campagna all'altezza di Gricignano, lasciando i malcapitati passeggeri senza riscaldamento e senza elettricità anche nel servizio bar. La causa è un guasto alla locomotrice. Si precisa che il treno era partito già singhiozzando da Roma Termini. L'arrivo a Napoli, previsto per le ore 8.36, è invece avvenuto alle ore 10.40. Adiconsum chiede a Fs un adeguato risarcimento per i viaggiatori e che quanto accaduto oggi sia soltanto un imprevisto".

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017