Excite

Msc Crociere, la Melody attaccata dai pirati

E' finita nel mirino dei pirati anche una nave della compagnia italiana Msc Crociere. Mentre era in navigazione davanti alle coste della Somalia, a un giorno di navigazione a nord delle Seychelles, la nave Melody sabato sera è stata attaccata dai pirati. A bordo della nave 991 passeggeri e 536 membri dell'equipaggio, tra i quali 134 italiani.

Il comandante della nave Ciro Pinto ha riferito all'Ansa che alle 21.35, ora italiana, la Melody è stata attaccata da un'imbarcazione leggera con sei uomini armati a bordo, che hanno aperto il fuoco con fucili kalashnikov colpendo la parte sinistra dell'opera morta della nave. Grazie al pronto intervento del servizio di sicurezza, che ha utilizzato le armi in dotazione alla nave, gli assalitori sono stati fermati mentre cercavano di salire a bordo.

Qualche danno per la Melody, ma nulla di particolarmente grave. Alcuni fori di proiettile nella fiancata, alcuni vetri rotti, una lancia di salvataggio colpita. Mentre per i passeggeri soprattutto tanta paura. Il direttore generale della Msc Crociere, Domenico Pellegrino, che ha parlato con i suoi uomini a bordo, ha affermato: "Mi hanno assicurato che stanno tutti bene, passeggeri ed equipaggio. Non ci sono state scene di panico: i passeggeri sono rimasti tranquilli, la nave ha ripreso regolarmente la propria rotta e rispetterà la sua tabella di navigazione. La situazione non è mai sfuggita di mano al comandante Ciro Pinto, che con grande freddezza ha messo in atto una serie di manovre di sicurezza che hanno scoraggiato i pirati dal proseguire nell'offensiva".

Il direttore generale ha spiegato anche che tutto è andato per il meglio grazie al personale di sicurezza di origine isrealiana e alla presenza di uno specifico "protocollo di sicurezza". "Innanzitutto, in caso di attacco, si procede a luci spente, oscurando tutti gli oblò per disorientare l'inseguitore - ha affermato Pellegrino - i passeggeri a bordo, però, non rimangono al buio: la luce interna non trapela fuori. Una nave da crociera non può accelerare molto rispetto alla sua andatura: la Melody ha una tenuta di 19 nodi, e i picchi di velocità sono minimi. Le condizioni di fuga dipendono da come la si orienta: esistono manovre che permettono di non far rimanere in scia chi prova a inseguirla, e di non farlo avvicinare".

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017