Excite

Musei a Roma, aumenti dei biglietti 2014: da oggi prezzi più alti, ma sette siti diventano gratuiti

  • Getty Images

Il ritocco al prezzo dei biglietti per i musei di Roma era stato deciso da tempo e la manovra portata a termine dalla Giunta capitolina, con aumenti dei costi per residenti e (soprattutto) turisti, era ben nota ai cittadini più informati.

Turismo culturale in Italia, lo spettacolo dei Musei Vaticani a Roma

Alla base di tale decisione sofferta ma inevitabile, hanno spiegato gli amministratori locali, c’è l’esigenza di incrementare in misura sensibile gli introiti per le casse comunali sfruttando a pieno le potenzialità dell’invidiabile patrimonio artistico e culturale di una delle mete turistiche più gettonate al mondo.

Sarà precisamente di un euro per i cittadini romani e di 2 € per chi non risiede nella Capitale la maggiorazione tariffaria a carico di visitatori di Fori Imperiali, Galleria d’Arte Moderna, Villa Torlonia, Ara Pacis, Mercati di Traiano, Centrale Montemartini, Macro e Macrob Testaccio.

Stesso discorso per i Musei Capitolini, dove la tariffa intera sale oggi da 12 a 13 euro per i residenti e da 13 a 15 € per il resto degli ospiti, prezzo che nei giorni in cui non vi sono mostre in programma si ferma rispettivamente a 9 € e 11,50 (ridotta 7,50 e 9,50 euro).

(Storia e cultura a Roma, le più belle opere dei Musei Capitolini: guarda il video)

Nell’ordine di un euro l’incremento stabilito sui biglietti cumulativi, mentre nessuna modifica andrà a colpire le agevolazioni vigenti a favore di determinate categorie, come guide turistiche e persone con disabilità, che insieme ai bambini di età inferiore ai 6 anni conserveranno il diritto all’ingresso gratuito in tutti i musei romani.

Confermati in toto anche gli sconti a beneficio di nuclei familiari e comitive scolastiche, con invariata possibilità di pagare cifre più basse rispetto agli altri visitatori, sia cittadini comuni che turisti. Per quanto riguarda invece Antiquarium del Celio, Villa Torlonia, Auditorium di Mecenate, Museo del Teatro Argentina, Macro, Centrale Montemartini e Museo di Romana, l’unico aggravio sarà di 1 € senza distinzioni legate alla residenza.

Sette siti culturali della Capitale, al contrario, diventano per precisa disposizione del Comune di Roma totalmente gratuiti: Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina, Museo delle Mura, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Villa di Massenzio, Museo Carlo Bilotti, Museo Pietro Canonica e Museo Napoleonico.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020