Excite

Forte flessione nel 2010 di viaggi e vacanze

La crisi italiana del lavoro, com'era logico, è diventata anche crisi delle vacanze. I dati del settore turistico confermano per il 2010 un calo di viaggi e vacanze del 12,4%. Rispetto al 2009, diminuiscono più di tutti i viaggi di vacanza rispetto a quelli di lavoro, e in particolare le vacanze brevi con un calo del ben 18,7%.

La tendenza era stata già rilevata nel 2009, ma nel corso dell'ultimo anno si è ulteriormente accentuata. È evidente che gli italiani, avendo meno soldi in tasca, preferiscono rinunciare alle escursioni del fine settimana per potersi permettere soggiorni più lunghi in estate o in inverno.

Le vacanze lunghe, infatti, si mantengono pressoché stabili, mentre calano in modo consistente i viaggi di lavoro (12,6%). Per quanto riguarda le destinazioni di vacanza, invece, si riducono del 13,4% gli spostamenti con mete italiane, soprattutto verso le regioni del Centro Italia. Stabili al contrario le vacanze fuori patria, ma diminuiscono i viaggi all'estero per motivi di lavoro (-17,4%).

Diminuiscono ugualmente i viaggi intrapresi per far visita ad amici o parenti (-17,2%), e anche le vacanze trascorse in alloggi a titolo gratuito (-18%). In sostanza, la flessione interessa tutte le modalità di viaggio, ad eccezione di una: le vacanze prenotate utilizzando Internet, che registrano un aumento del 11,5%. Pare che finalmente gli italiani comincino a familiarizzarsi con la rete, anche se per il momento più per quanto riguarda le opportunità di vacanza che di lavoro.

(foto © blog.panorama.it)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017