Excite

Operazione "Estate tranquilla 2009": non in regola il 30% delle strutture

Irregolare una struttura su tre. E' questo quanto emerso dall'operazione "Estate tranquilla 2009" condotta dai Carabinieri del Nas d'intesa con il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali. Secondo quanto emerso il 30 per cento dei villaggi, degli stabilimenti turistici, degli agriturismi, delle strutture per anziani e delle discoteche esaminate sono risultate non in regola con le normative comunitarie, nazionali e locali.

Le strutture incriminate sono state 1.328, di queste 105 sono state chiuse e 140 hanno ricevuto una proposta di chiusura. I Carabinieri hanno condotto 4.563 ispezioni nel corso delle quali hanno sequestrato 181 tonnellate e 133mila confezioni di alimenti di varia natura, tra cui carne, pesce, bevande, conserve e formaggi, per un valore pari a 1 milione e 170mila euro. Questi alimenti, a causa delle modalità in cui erano conservati, dell'assenza di idonea etichettatura e della presenza di evidenti segni di alterazione, rappresentavano una seria minaccia per la salute del cittadino.

L'operazione "Estate tranquilla 2009" è stata condotta tra giugno e settembre e ha coinvolto i 37 nuclei antisofisticazione dislocati sull'intero territorio nazionale. In seguito alle ispezioni i Carabinieri hanno segnalato alle autorità giudiziarie, amministrative e sanitarie 1.426 persone. Le strutture risultate più "indisciplinate" sono state gli stabilimenti balneari, gli agriturismo e i supermercati. Su 570 agriturismo passati al setaccio dai Nas ne sono stati chiusi 23; su 529 stabilimenti balneari ne sono stati chiusi 22; su 668 supermercati e alimentari ne sono stati chiusi 18.

Per quanto riguarda, invece, le discoteche, di 517 locali ispezionati solo 7 sono stati costretti a chiudere, sebbene i night club non in regola sono risultati 153. I Nas hanno poi controllato 485 villaggi turistici e campeggi facendone chiudere 9 e 500 posti di ristoro autostradali di cui a 8 sono stati messi i sigilli e per 18 è stata proposta la chiusura. Sono state ispezionate anche 696 pescherie di cui 10 sono state chiuse e 598 residenze sanitarie per anziani (Rsa) che, in quanto destinate a fasce socialmente deboli della popolazione, devono rispettare precisi requisiti strutturali, igienico sanitari e di personale. Di queste 598 strutture, 146 sono risultate non in regola, per 14 è stata proposta la chiusura e 8 sono state chiuse.

 (foto © LaPresse)

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017