Excite

Petizione contro la pubblicità Ryanair

  • ryanair.com

Sono già 8.000 le firme raccolte da una petizione di una hostess contro l'ultima pubblicità della Ryanair.
Le ha raccolte l'hostess Ghada, fondatrice del gruppo Cabin Crew against sexism (assistenti di volo contro il sessismo).
L'hostess sta protestando veemente contro l'ultima pubblicità della Ryanair, dopo aver visto lo spot "Tariffe bollenti e hostess piccanti!” accanto alla foto di una ragazza in bikini con un dito negli slip.

Le foto piccanti del calendario Ryanair 2012

Nella petizione, Ghada scrive: "Sono un membro del personale di volo, amo il mio lavoro e lo prendo seriamente. I miei colleghi, molti dei quali sono uomini, lavorano duramente insieme a me per garantire la sicurezza dei nostri passeggeri. La sicurezza è la nostra prorità, non la marca dei nostri slip".

Samantha Mangwana, avvocato dello studio Russell Jones&Walker esprime i pericoli legali nei quali puo incappare la compagnia irlandese: "Se uno dei loro dipendenti finisce vittima di molestie sessuali, con uno spot del genere Ryanair si espone al rischio di una causa legale. Pr legge, i datori di lavoro devono prevenire la discriminazione e le molestie nei confronti del loro personale. Ma questa pubblicita' incoraggia l'esatto opposto”.

Le foto incriminate seguono la linea del Calendario di Beneficenza delle Assistenti di volo 2012, che rappresenta le più belle assistenti di volo provenienti da tutto il mondo, e che ha come obiettivo la raccolta di oltre 100.000 euro da donare in beneficenza all’associazione di beneficenza Debra.
Tra le 13 assitenti di volo in lingerie e costume da bagno, c'è anche l'italiana Ornella Matrisciano di Napoli, scelta tra le 40 0candidate. Il calendario è in vendita a 10 euro a bordo degli aerei Ryanair, nei negozi di Debra in Irlanda e Spagna, e sul sito ufficiale di Ryanair.

Non è la prima volta che Ryanair viene accusata per le sue pubblicità a sfondo erotico.
Nel 2008, fu contestata per una pubblicità che rappresentava una donna vestita da scolaretta, che, secondo l'accusa, incitava le donne a provocanti comportamenti sessuali.
Nel 2010, invece, fu criticata dalla parlamentare europea Mary Honeyball per il suo calendario con donne in bikini.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017