Excite

Piazza del Plebiscito: tra mare e Vesuvuio

Napoli offre ai proprio turisti una miriade di monumenti, piazze e strade ognuno in grado di raccontare la storia della città e dei suoi occupanti.

Piazza del Pebliscito, a pochi passi dal mare e dalle vie dei negozi, sorge ai piedi della collina di Pizzofalcone che dà anche il nome al suo quartiere; è una tra le piazze più ampie del capoluogo campano ma non dobbiamo immaginarla sempre così.
La sua configurazione attuale infatti risale agli anni che vanno dal 700, anni in cui fu costruito Palazzo Salerno, al 1815, anno in cui vede la luce il Palazzo della Prefettura.

Lo storico quanto imponente portico a emiciclo di ordine dorico risale a pochi anni prima, e precisamente al 1809 e fu fatto costruire da Gioacchino Murat; pochi anni dopo al centro fu fatta costruire, per volontà di Ferdinando I, la Basilica di S. Francesco di Paola come ringraziamento per la riconquista del Regno di Napoli.
Vedendo l’architettura della chiesa che domina a tutti gli effetti la piazza, la nostra mente non fatica a riconoscere lo stile del Pantheon presente a Roma.

Esattamente dal lato opposto della piazza troviamo Palazzo Reale, costruito nel 1600 da Domenico Fontana su commissione del vicerè Ferrante di Castro. Successive opere di integrazione del Vanvitelli e di manutenzione ad opera dello stesso Murat e di Ferdiando II hanno dato a palazzo reale l’attuale aspetto che oggi possiamo ammirare nel pieno del suo splendore.

Nei punti focali della piazza a forma di ellisse sono presenti due statue equestri in bronzo del Canova, una di Carlo Magno di Borbone, capostipite della Casata e l’altra di Ferdinando I, suo figlio.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017