Excite

Porta di Brandeburgo a Berlino: storia e curiosità

Chi visita Berlino non può non fermarsi di fronte alla Porta di Brandeburgo, una delle più antiche porte urbane di Berlino, tra i noti quartieri di Mitte e Tiergarten.

Costruita a partire dal 1788 ed aperta al pubblico nel 1791 da Carl Gotthard Langhans, la Porta di Brandeburgo rappresenta una delle principali attrazioni turistiche della capitale tedesca.
Lo stile architettonico è quello dorico-romano, ma con alcune semplificazioni, ossia composto da basi e mezze metope alla fine del fregio, diversamente dal classico stile dorico sprovvisto di basi e composto di un trifoglio alla fine del fregio.

La Porta di Brandeburgo si trova alla fine del viale Unter den Linden. Caratteristica di estrema importanza storica è la quadriga alla sua sommità, creata nel 1794 da Johann Gottfries Schadow. Nel 1807 fu Napoleone I a trasportarla a Parigi come bottino di guerra, mentre nel 1814 i prussiani la riportarono nuovamente a Berlino con l’aggiunta della croce di ferro alla corona situata sull’asta posta nella mano della dea della pace. La seconda guerra mondiale la danneggiò e le sue parti furono restaurate ed oggi conservate nel deposito della fonderia Noack di Berlino Ovest.

A causa dei sistemi restrittivi della DDR, la Porta di Brandeburgo fu chiusa al passaggio e al pubblico, rimanendo nella parte orientale della città e con la quadriga girata verso Est.
Dopo il 1989, anno dell’abbattimento del muro, fu riaperta al passaggio e la quadriga fu rigirata nella direzione ovest, così come era posta originariamente.
Nello stesso anno fu nuovamente danneggiata, ma fu comunque subito ristrutturata.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017