Excite

Ryanair, è ancora scontro con l'Enac

In un'intervista a Il Messaggero, il presidente dell'Enac, l'ente di controllo dell'aviazione civile italiana, Vito Riggio ha ribadito che a suo avviso la decisione della compagnia irlandese low cost Ryanair di cancellare dieci rotte italiane a partire dal 23 gennaio è solo una sparata propagandistica.

Riggio ha così spiegato le "minacce" del proprietario di Ryanair Michael O'Leary: "Devo essere sincero: la prima considerazione che mi è venuta in mente è che, essendo gennaio, febbraio e marzo mesi morti per il trasporto aereo, ridurre i voli è una possibilità che tutti vorrebbero avere. Solo che quando lo fanno le compagnie italiane esplodono le critiche. Ricordo che Ryanair pratica tariffe molto basse e quindi non le scattano quelle compensative. Ricordo anche che non c'è una sola rotta praticata da Ryanair sulla quale non incassi un contributo a passeggero".

Nel caso in cui il vettore low cost decidesse di sospendere i voli per tre mesi e riattivarli successivamente, l'Enac non potrebbe bloccare la licenza che è concessa dall'autorità irlandese. "Ma se la stessa Ryanair se ne va e un'altra compagnia garantisse di svolgere lo stesso servizio - ha spiegato Riggio - noi glielo concederemmo e O'Leary, al suo ritorno, troverebbe il posto occupato. Gli slot non sono concessi a piacimento, ma solo se vengono utilizzati".

Nel frattempo c'è attesa per l'incontro che il prossimo 7 gennaio il presidente dell'Enac ha convocato con Ryanair.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018