Excite

Spiagge Lazio, a Roma il litorale più inquinato

  • Wikimedia Commons

E' il litorale romano il più inquinato del Lazio: è il risultato dei prelievi di Goletta Verde e Legambiente lungo gli oltre 300 chilometri della regione eseguiti il 13 e il 14 giugno. Sui 24 campionamenti effettuati lungo i 329 km del litorale laziale, ben 18 (cioè il 75%) presentano un'altissima concentrazione di inquinamento microbiologico, con alti valori di escherichia coli e enterococchi intestinali ben al di sopra dei valori consentiti dalla normativa vigente.

Dei 18 punti inquinati, 13 sono risultati “fortemente inquinati”. Tra questi, Santa Marinella (alla foce del canale sul Lungomare Pirgy in località Santa Severa), Marina di Cerveteri (alla foce del fosso Zambra), Ladispoli (alla foce del Rio Vaccina), Fiumicino (alla foce del Canale dei Pescatori), Roma-Ostia (alla foce del fiume Tevere), in due punti a Torvajanica (alla foce canale altezza via Filadelfia e alla foce canale all’altezza di via Siviglia) e ad Ardea (foce del fosso Grande).

"Non solo non è stato fatto alcun passo avanti rispetto allo scorso anno, ma la situazione, se possibile, è addirittura peggiorata", spiegano da Legambiente. Una situazione sotto osservazione da parte dell'Unione europea, che ha nuovamente avviato a fine marzo di quest'anno una procedura di infrazione ai danni dell'Italia per il mancato rispetto della direttiva comunitaria sul trattamento delle acque reflue urbane.

''Il nostro Paese, dove gli scarichi del 22% della popolazione non vengono adeguatamente trattati, vive un vero deficit depurativo e il Lazio rispecchia in pieno questa emergenza. Non va meglio neanche sul fronte dell'informazione ai cittadini. La vigente direttiva sulle acque di balneazione impone, infatti, ai Comuni di divulgare l'informazione sulla qualità dei singoli tratti di mare, secondo la media degli ultimi quattro anni di prelievi (qualità scarsa, sufficiente, buona, eccellente). Eppure in nessuno dei punti campionati, né nelle immediate prossimità, i nostri tecnici hanno trovato traccia della cartellonistica informativa", ha detto Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019