Excite

Torino, successo per il Salone del Gusto

Successo per l'edizione 2010 del Salone del Gusto che si è svolto a Torino dal 21 al 25 ottobre. Proprio ieri si è svolta la conferenza stampa di chiusura dell'evento alla presenza dell'Assessore all'Istruzione, Sport e Turismo della Regione Piemonte Alberto Cirio, dell'Assessore al Commercio, al Turismo, alle Attività Produttive e al Marketing Urbano della Città di Torino Alessandro Altamura, del Presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese.

Sono stati oltre 200mila i visitatori che hanno preso parte alla manifestazione, giunta alla sua ottava edizione. Numeri eccezionali, ai quali si aggiungono i 900 espositori e il budget di 13 milioni di euro. Roberto Burdese, Presidente di Slow Food Italia, ha affermato: 'Questo è il Salone del Gusto della maturità e una delle più belle edizioni di Terra Madre, dal punto di vista dei sedimenti di idee e progetti lasciati. La continuità tra le due manifestazioni è stata confermata dalla straordinaria partecipazione alle conferenze, in particolare quelle che hanno affrontato tematiche ambientali e sociali, come il land grabbing e il packaging sostenibile, e alle proposte educative di Slow Food: 5mila adulti hanno partecipato alle attività proposte da Slow Food Educa e oltre mille bambini hanno seguito il percorso educativo'.

Soddisfazione dagli organizzatori dell'evento, dunque, ma anche soddisfazione da parte dei produttori che, a fronte di un leggero calo nelle vendite, hanno visto incrementare i rapporti commerciali in particolar modo con l'estero.

Burdese ha poi sottolineato come il successo della manifestazione confermi che: 'Il settore agroalimentare è strategico per l'Italia e oggi sono quanto mai necessari investimenti a sostegno, ma soprattutto progettualità. Deve diventare uno dei pilastri fondamentali dell'economia nazionale ed è anche per questo che Salone del Gusto e Terra Madre si aspettano di lavorare con le adeguate certezze'.

L'assessore Altamura ha aggiunto: 'Questa manifestazione è un ulteriore importante tassello affinché Torino diventi veramente la capitale italiana dell'enogastronomia. I numeri ci sostengono in questo obiettivo da raggiungere: siamo passati dai 180mila visitatori del 2008 agli oltre 200mila di quest'anno; mentre sul fronte espositori i 620 della scorsa edizione sono diventati 910. E questo nonostante la crisi economica e i tagli che anche noi come Comune abbiamo dovuto attuare. Ancora una volta l'esito positivo di questa manifestazione appartiene a tutti: alla Città, alla Regione e a coloro che ci hanno lavorato. Le cifre di questo successo impongono però a tutti noi d'avviare sin d'ora una serie di ragionamenti, in previsione dell'edizione del 2012 che ricordo avrà ancora come sede Torino. Manifestazioni come il Salone del Gusto e Terra Madre insieme agli altri importanti appuntamenti come, ad esempio, il Salone del Libro, sono delle vere e importanti vetrine internazionali, sono punte di diamante che andrebbero ulteriormente valorizzate. Proprio per questo credo che sia importante, sin dai prossimi giorni, ragionare attorno a un tavolo dove dovranno sedersi la Città, la Regione, Slow Food e GL Events per Lingotto Fiere'.

Foto: salonedelgusto.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2022