Excite

Vacanze: è il cibo che fa la differenza

  • Foto:
  • atavolaconwilli.blogspot.com

Mare limpido, servizi extralusso e alberghi da favola? Niente di tutto questo: a fare la differenza in una vacanza, per il 35% degli italiani, è la buona qualità del cibo. E’ questo il risultato di un sondaggio condotto da Swg per Coldiretti, secondo cui, al secondo posto in una vacanza ideale ci sono le visite a musei e mostre (29%), e a seguire lo shopping (16%), la ricerca di nuove amicizie (12%), lo sport (6%) e il gioco d'azzardo (2%).


Sì ai prodotti locali, no ai piatti acchiappa-turisti

Secondo la Coldiretti, l’estate offre l’occasione agli italiani di assaggiare nuovi sapori e nuovi piatti tipici dei luoghi di vacanza; però, sottolinea la Coldiretti, bisogna tenere gli occhi aperti e diffidare di quei posti che offrono i cosiddetti piatti 'acchiappaturisti', che non hanno niente a che fare con la tradizione gastronomica locale ma che stravolgono le ricette tradizionali, come la cotoletta alla milanese fritta nell'olio di semi, o la caprese con il formaggio industriale al posto della mozzarella di bufala Doc, per finire con il classico pesto ligure, realizzato però con mandorle, noci o pistacchi, al posto dei caratteristici pinoli. Un piatto su tutti? Gli spaghetti alla bolognese, una ricetta che non esiste nella tradizione emiliana ma è stata inventata appositamente per gli stranieri che non conoscono la città emiliana.


Souvenir o tarocchi?

Bisogna anche fare attenzione all’origine dei souvenir enogastronomici che vengono spacciati agli ignari turisti come prodotti locali, ma in realtà non hanno nulla a che vedere con il territorio; per evitare brutte sorprese, basta acquistare prodotti genuini e locali in uno dei 750 mercati degli agricoltori di 'Campagna amica' organizzati dalla Coldiretti che permettono ai turisti di portare a casa souvenir enogastronomici di qualità al giusto prezzo.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017