Excite

Vacanze estate 2009, per molti un vero disastro

Per molti le tanto sospirate vacanze dell'estate 2009 sono state un vero e proprio disastro. L'associazione per la tutela del turista consumatore, Telefono Blu, ha redatto un primo bilancio di questa parentesi estiva e i dati emersi non sono incoraggianti. Tra le lamentele più frequenti i ritardi, gli hotel sporchi e la mancanza di servizi. Numerosi, inoltre, i disagi con i pacchetti acquistati in agenzie o sul web.

Si parla di rientri forzati e vacanze rovinate per ben 9mila romani e laziali, i reclami provenienti da Roma sono il 70 per cento, quelli da Latina e isole il 14 per cento, da Frosinone il 7 per cento, da Viterbo il 5 per cento e da Rieti il 4 per cento. Ma non è andata meglio ai lombardi che in più di 15mila hanno chiamato Telefono Blu per lametare ritardi degli aerei, tour operator fantasma e forti disagi agli scali o negli alberghi. Le chiamate dei lombardi corrispondono al 18 per cento delle richieste di aiuto di tutta Italia collocandosi così al primo posto. In cima Milano e Monza al 43 per cento, segue Brescia al 13 per cento, Bergamo al 10 per cento, Varese al 7 per cento , Como 6 per cento, Cremona 5 per cento, Mantova e Pavia al 4 per cento, Lecco 3 per cento, Lodi 3 per cento, Sondrio 2 per cento. Problemi anche in Sicilia, dove dal primo giugno fino ad oggi 3.800 turisti hanno chiamato l'associazione per segnalare disagi e disservizi, e in Piemonte, qui sono stati in 7mila ad alzare la cornetta e interpellare Telefono Blu. Per quanto riguarda il Piemonte le chiamate sono giunte da Torino (42 per cento), Alessandria (13 per cento), Novara (12 per cento), Cuneo (10 per cento), Verbania (6 per cento), Asti (5 per cento), Biella (4 per cento) e Valle d'Aosta (7 per cento).

Le segnalazioni più frequenti hanno interessato viaggi o pacchetti acquistati in agenzie oppure su internet, per i quali a settembre è prevista già una gran quantità di ricorsi. Tanti i problemi anche per quanto riguarda la qualità dei servizi nelle strutture ricettive e i diversi vettori: aerei, navi, treni e autostrade. Secondo quanto fatto sapere dall'associazione è di circa 390 euro il rimborso stimato a persona in seguito alle denunce fatte pervenire telefonicamente e via web.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017