Excite

Vacanze finite, in agguato la sindrome di Grimilde

Al rientro dalla vacanze, una donna su 2 viene colpita dalla “sindrome di Grimilde”: la strana patologia prende il nome proprio dalla strega di Biancaneve, che usava specchiarsi ogni giorno per essere proclamata la più bella del reame.

I sintomi della sindrome di Grimilde

Una volta finite le ferie e ritornate alla vita di tutti i giorni, infatti, le donne si trovano a fare i conti con alcuni sintomi particolari: ben 7 donne su 10, insoddisfatte del proprio corpo, fanno i conti con i chili che hanno preso durante l’estate a causa di qualche vizio in più e di uno stile di vita più sregolato. E’ questo il risultato di uno studio promosso da Nestlé Fitness su un campione di 512 interviste a donne italiane tra i 18 e i 54 anni.

I rimedi per guarire

Per superare questo momento, il 64% delle donne è corsa ai ripari e pensa che sia sufficiente ritornare a uno stile di vita più consapevole che concili un’alimentazione bilanciata – fatta di frutta (85%), verdura (89%) e cereali (58%) - e una regolare attività fisica, magari iscrivendosi in palestra, facendo qualche esercizio in casa (31%) e concedendosi lunghe passeggiate all’aria aperta (55%). In ogni caso, “consiglio di non lasciarsi prendere dal panico e rimettersi in forma in maniera graduale, onde evitare stati di ansia maggiori”, spiega la psicologa Mariolina Palumbo.

Un malessere diffuso

I chili di troppo accumulati durante le vacanze, poi, provocano anche una sensazione di malessere: le donne che hanno partecipato allo studio hanno ammesso di sentirsi nervose (21%) e angosciate (39%) dai “rotolini” al punto di doverli nascondere con vestiti appropriati (44%). Tra le zone più delicate ci sono senza dubbio il girovita (59%) e le cosce (44%), seguite dai glutei (35%) e dia fianchi (37%).

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017