Excite

Vacanze rovinate? Rimborso per i turisti

A tutti i turisti che hanno avuto la vacanza rovinata da problemi e disservizi, l’Aduc (l'associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori) spiega come fare per ottenere un rimborso “per spese effettuate e non dovute, per mancate prestazione di servizi e per giorni di vacanza non usufruiti”.

Come inviare una contestazione

La contestazione deve partire entro 10 giorni lavorativi dalla data del rientro e deve essere inviata al tour operator e all'agenzia di viaggi che ha organizzato il viaggio con raccomandata con ricevuta di ritorno; è importante allegare al reclamo tutta la documentazione utile a dimostrare il disservizio ricevuto: il depliant illustrativo della struttura che mostra le differenze con fotografie scattate sul luogo, una copia del contratto, eventuali ricevute di pagamenti extra o certificati medici, insieme ovviamente alle dichiarazioni scritte o alle testimonianze di operatori o altri turisti inferociti. In caso di risposta negativa, l’ultima carta è il ricorso al Giudice di Pace.

Vacanza rovinata, c’è il danno morale

Recentemente, anche la Corte di Giustizia europea ha riconosciuto ai turisti dell’Unione il diritto al risarcimento per danno morale da vacanza rovinata, soprattutto se il viaggio è stato organizzato per festeggiare una ricorrenza (come la luna di miele) o se si tratta dell’unico periodo di vacanze che si potrà ottenere durante l’anno.

Come ottenere un risarcimento

La richiesta per ottenere un risarcimento segue la stessa procedura prevista per i rimborsi. Per chiedere una consulenza telefonica degli operatori dell’Aduc si può chiamare il numero 895. 96.97.997, oppure basta consultare il sito dell'associazione, dove è anche possibile scaricare un modulo standard per la richiesta di rimborso e risarcimento da indirizzare al tour operator e all'agenzia.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017