Excite

Venezia, scandalo per un poster su una Chiesa

Venezia è al centro dell’attenzione turistica non soltanto per le sue bellezze artistiche ma anche per una polemica suscita da un manifesto pubblicitario posto sulla facciata della chiesa di S. Simeon Piccolo. Questa pubblicità, che ritrae le gambe al vento di una modella, ha fatto infuriare la Curia veneziana che ha definto “squallido” cercar soldi con la pubblicità.

Monsignor Antonio Meneguolo, portavoce del Patriarcato ha dichiarato: ”Almeno le facciate delle chiese andrebbero risparmiate da questo segno dei tempi. In un Paese civile, per i restauri bisognerebbe trovare altre fonti di finanziamento. Perfino noi sacerdoti ci siamo dovuti rassegnare, ma c’è un limite a tutto. Questa volta si è esagerato”. La Chiesa è retta, inoltre, dal tedesco don Konrad zu Loewenstein, il quale celebra la Messa con in latino con il rito Romano Antico.

Su tali dichiarazioni è intervenuto il Soprintendente per i beni architettonici di Venezia, Renata Codello, che, respinge le accuse e ricorda che la Curia ha difficoltà a reperire fondi da destinare al restauro degli edifici d'arte, compresi quelli sacri e afferma: "Se la Curia, proprietaria del luogo di culto, troverà il denaro mancante, smettiamo con la pubblicità. Le sponsorizzazioni sono l’unico mezzo che ci permettono di restaurare gli edifici. Non potevamo abbandonare la chiesa a se stessa, lasciata proprio dalla Curia transennata per anni con una facciata che veniva giù a pezzi”.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017