Excite

Viaggi gay friendly: Istanbul, Bogotà e Tel Aviv tra le destinazioni più gettonate

  • Wikimedia Commons

Istanbul, Tel Aviv e – a sorpresa – Bogotà: sono le tre destinazioni che i giornalisti del seminario “What’s New in LGBT Travel: Hot Destinations, Cool Events and Surprising Destinations and Vacations”, organizzato dal New York Times, piazzano sul podio delle mete più gay friendly del 2013.

Al primo posto si piazza Istanbul, la capitale economica della Turchia: «è sempre più sofisticata e ricca, in un Paese finanziariamente stabile», ha commentato Mike Luongo, sottolineando che, a fare di Istanbul una meta perfetta per i gay ci pensano «hotel come il Ciragan Palace Kempinski Istanbul, o eventi il Gay Pride della città e l’Istanbear Spring Festival o il Turkish Gay Bear Spring Party, che si terrà all’inizio di aprile».

A sorpresa, al secondo posto finisce Bogotà, la capitale della Colombia che «offre un’ottima cucina e gallerie d’arte» e che lo scorso anno ha ospitato il Gay Pride. Si piazza al terzo posto, invece, un’altra destinazione mediorientale, Tel Aviv, che «continua a stupire per il suo livello di gay-friendly e per il suo mix di sofisticate offerte culturali e vita notturna fiorente».

Fuori dal podio, c’è «una delle città più aperte e accoglienti con una fiorente scena artistica e gastronomica tutto l’anno»: si tratta di Stoccolma. Austin, in Texas, occupa invece il quinto posto della classifica: «capitale della musica dal vivo, meta del cibo rivoluzione, ospita stupendi parchi cittadini e garantisce una vivace vita notturna gay. La città ha quasi raddoppiato la sua capacità alberghiera per far posto a una nuova ondata di turisti giovani che sono pronti a vivere la capitale del Texas».

Ci spostiamo in Nuova Zelanda per la città al sesto posto della classifica, Auckland, che offre «cucina di classe mondiale, cultura, moderni e tradizionali hotel a cinque stelle, il pittoresco lungomare e diversi gay bar». Ritorniamo negli Usa, e precisamente in Florida, per una visita a Key West, «più sofisticata di quanto non sia stata negli ultimi anni con nuove opzioni di alloggio ricercate, ristoranti, wine bar e cocktail bar». Chiude la classifica Los Angeles, destinazione particolarmente gettonata dai gay che hanno conquistato il quartiere di Silverlake «che ospita i leather bars della città, ma che non ha mai appagato molto i turisti». Ora «sono stati affiancati da ristoranti carini e da negozi interessanti, un supermercato e ampi ristoranti e locali notturni».

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017