Excite

Viaggi in Tunisia, l'ok del ministero

I turisti italiani come quelli di tutto il resto del mondo, hanno ancora vivido davanti ai loro occhi le immagini terribili delle rivolte, e della relativa soppressione violenta, arrivate nelle scorse settimane dalla Tunisia. Uno stato a noi vicinissimo, basta pensare che l’estremo lembo superiore della Tunisia dista solo 70 km da Lampedusa.

Uno stato la Tunisia meta di viaggi e turismo, grande risorsa economica per un Paese che non vanta grandi giacimenti petroliferi, basti solo pensare che nel trascorso 2010 l’afflusso economico dovuto ai turisti che visitano questo Paese ha contato per il 7% nel computo globale del Pil. Ma era inevitabile che i disordini delle settimane passate non finissero per incidere sull’afflusso dei viaggi. Il calo verso la Tunisia agli inizi di Febbraio 2011, complice anche il fatto che anche da quelle parti l’inverno non è esattamente caldo.

Tuttavia ora la situazione sembra pian piano migliorare e dal ministero del turismo tunisino è arrivato nei giorni scorsi un messaggio chiaro: ‘il turismo in Tunisia è di nuovo sicuro’.

Secondo il del Turismo della Tunisia Mehdi Houas tutto sta tornando nella norma, e tutti gli apparati statali a partire della sicurezza e della sanità, stanno pian piano riprendendo il loro lavoro. Sarà tutto pronto per l’estate, il momento migliore per rilanciare l’immagine del Paese magari con offerte low cost per i viaggi in Tunisia.

Foto @ turismo.it

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017