Excite

Viaggi, a natale è stato boom di low cost

Trademark Italia ha reso noti i dati relativi all’indagine di mercato realizzata per monitorare il mercato turistico a fine 2010. Emerge un quadro peggiore rispetto a quello già visto nel 2009 per il natale e le feste di chiusura 2010: meno viaggi intercontinentale, mete europee più gettonate rispetto alle destinazioni oltreoceano, aumento dei turisti bloccati negli aeroporti. Inoltre si aggiungono le percentuali negative dei bagagli smarriti ( 30%) e il – 20% del segmento aviation.

Una panoramica però che sottolinea come, anche se sotto la morsa della crisi, i consumatori non rinunciano ad una fuga, magari a prezzi agevolati o cono offerte last minute a costi più abbordabili. Aumenta il numero di persone che decide di trascorrere qualche giorno in viaggio ma massima attenzione a prezzi e condizioni: i consumatori optano per i low cost. Le mete più battute, secondo il campione intervistato per lo studio di mercato, sono state le capitali europee, Mar Rosso, Africa del nord.

I viaggi di natale 2010 sono stati caratterizzati da durate contenute e budget limitati: gli italiani hanno optato per qualche breve soggiorno culturale nelle grandi città europee oppure ne hanno approfittato per godersi qualche giorno di caldo, tra sole e spiagge, per concludere nel totale relax l’anno. La spesa media ha superato di poco i 100 euro al giorno all inclusive. Il 31 dicembre ben 20 milioni di italiani non lo hanno trascorso a casa e ben 7.8 milioni lo hanno festeggiato in vacanza.

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017