Excite

La riscoperta della Birmania

In qualche vecchio atlante geografico ma anche nella cultura popolare in molti conoscono questo stato con il nome storico di Birmania, anche se la dicitura ufficiale lo vorrebbe come Repubblica dell’Unione di Myanmar. Affacciata sul fronte orientale dell’India, la Birmania vive un periodo di grande riscoperta turistica.

Un flusso di viaggi verso questo straordinario paese asiatico, che continua ad ardere nonostante i numerosi freni e le inibizioni poste in essere da un assurdo governo dittatoriale dei militari che da decenni tengono in ostaggio un’intera nazione che, nonostante le sue numerose risorse naturali e l’ineguagliabile patrimonio archeologico, vede gran parte della sua popolazione vivere nell’assoluta indigenza.

Un viaggio per la Birmania con partenza dall’Italia non è certo tra gli spostamenti più comodi ed agevoli; possono infatti essere necessari numerosi cambi con arrivo finale nella capitale di questo stato Naypyidaw, uno dei pochi centri a mostrare i segni tipici delle metropoli moderne come la presenza di corrente, acqua ed un sistema fognario.

Mancheranno le strutture ma unviaggio in Birmania non manca certo delle attrazioni turistiche; i monasteri innanzitutto che segnano la storia di questo Paese, vero e proprio a coacervo di religioni, che per prime hanno sofferto negli ultimi decenni la presenza delle dittatura territoriale. La visita della Birmania può essere effettuata da soli, tuttavia per maggior sicurezza personale e per non avere problemi di lingua (pochi parlano l’inglese) è bene affidarsi a guide locali per le visite.

Foto @ matrimonio.com

viaggi.excite.it fa parte del Canale Blogo Social - Excite Network Copyright ©1995 - 2017