Excite

Wi-fi sui treni, salute a rischio: è allarme

  • You Tube

A bordo dei treni di Trenitalia e Ntv che offrono la connessione wi-fi l'esposizione alle onde magnetiche ed elettromagnetiche «supera complessivamente i limiti fissati dalla legge, e rappresenta pertanto un potenziale pericolo per la salute dei passeggeri»: è la denuncia del Codacons che ha effettuato delle rilevazioni sull'esposizione alle onde all'interno delle carrozze dei treni Frecciarossa e Italo rilevando delle anomalie.

In particolare, secondo quanto evidenziato nell'esposto presentato dal Codacons alle Procure di Roma, Milano, Torino, Bologna e Firenze, ai Ministeri dell'Ambiente e della Salute e all'Arpa, i valori delle onde elettromagnetiche a bordo dei treni Frecciarossa superano i limiti del 588%. Peggiore la situazione su Italo, con un superamento del 6.800%, se si considerano i limiti dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC).Le misurazioni, spiegano dal Codacons, sono state eseguite sul treno 9655 Frecciarossa delle 19 in servizio tra Milano e Roma e sul treno Italo 9940 delle ore 13,55 in servizio tra Roma-Ostiense e Milano-Porta Garibaldi.

I parametri presi in considerazione dal Codacons sono quelli recepiti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), secondo cui i campi nei quali agiscono le radiazioni elettromagnetiche sono inseriti all'interno del "Gruppo 2B", ossia "potenzialmente cancerogene per gli individui". Particolarmente a rischio sarebbero i minori: una circolare del Ministero dell`Ambiente evidenzia che sono i soggetti più colpiti dalle onde elettromagnetiche, e quelli per i quali occorrono misure restrittive tese a tutelarne la salute.

La richiesta del Codacons è quindi di sospendere il servizio sui treni che superano i limiti legali per quanto riguarda le onde magnetiche ed elettromagnetiche e di costringere le compagnie ferroviarie ad operare tutti gli interventi volti a far rispettare tali soglie. Proprio sul Wi-Fi disponibile a bordo dei treni Frecciarossa e Frecciargento, oggi ottobre verrà discusso un ricorso del Codacons presentato al Tar del Lazio, in cui vengono richieste misure correttive per tutelare i cittadini da un’eccessiva esposizione.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019